Le mie esperienze artistiche si collocano in posizione d’ascolto: osservano e “sentono” le vicende del reale, del suo rapporto con l’essere umano e le evoluzioni della nostra società. Il fatto che l’arte sia lo specchio della società che la produce è ormai un dato scontato, le Avanguardie lo hanno espresso in molteplici linguaggi e il Contemporaneo spesso simula l’esistenza stessa. La domanda che pongo attraverso il mio lavoro riguarda proprio il rapporto tra l’essenza intima dell’uomo, con il suo retaggio istintivo e ancestrale, e un’evoluzione che tende ad estraniarlo dalla sua essenza.

percorso artistico

Dopo aver conseguito il Diploma d’Arte Applicata in Arte dei metalli e dell’oreficeria, nel 1997, è iniziata la mia ricerca artistica come studente dell’Accademia di Belle Arti di Catania, dove ho conseguito il diploma di laurea nel 2004 con votazione 110 lode/110. Primo punto fondamentale della mia ricerca è stato lo studio dell’arte Informale, segnica e “materica”, seguito dall’interesse per la Pop Art e il Graffitismo. L’interesse per la grafica e le problematiche della cultura di massa hanno infine segnato il percorso da intraprendere.

La grafica è il punto di partenza del mio lavoro e la sua origine etimologica, graphein, cioè incidere o scalfire, rimanda appunto ad un qualcosa di ancestrale, alle origini dell’uomo, ai graffiti rupestri, ad un tempo in cui l’uomo scopre se stesso attraverso pulsioni come l’erotismo, la morte e l’arte; percezioni che hanno generato una gigantesca evoluzione e il compimento della specie. Nella società contemporanea la natura istintiva e graffiante che ha determinato l’essere umano si trova, tuttavia, in contraddizione con la sua più grande creazione, la macchina. Quello che cerco di portare alla luce, con linguaggi che vanno dal disegno all’incisione, dalla pittura all’uso della materia, dal collage all’uso di stampe, è quel conflitto che determina la nostra vita contemporanea e le sue molteplici ambiguità.


eventi e mostre

1-10  dicembre 2017
Mostra collettivaLa forza dell’anima”
Spazio Sauli – Milano, Italia

7  maggio 2017
Mostra collettivaArte sul Naviglio Grande 2017″
Naviglio Grande – Milano, Italia

4-8  novembre 2015
Mostra collettiva “Sound of Silence
Paratissima11 – Torino, Italia

23 Novembre-13 Dicembre 2013
Mostra personale “Tecnologia e comunicazione ambigua
spazioRAW- Milano, Italia

18 Marzo- 2 Aprile 2012
Mostra personale“Sinestesia Segno Seduzione Inchiostro
Caffè Teatro – Pavia, Italia

Settembre 2011
Mostra personale“Sinestesia
Circolo Arci Radio Aut – Pavia, Italia

Giugno 2010
Concorso “Premio Art Gallery 2010
Associazione Art Gallery – Milano, Italia

Aprile 2005
Mostra collettiva“Prima Parete in Concerto
Centro fieristico Le Ciminiere – Catania, Italy

Giugno 2004
Presentazione del falso documentario “I Figli di Isidor
con il collettivo di artisti Famiglia Sfuggita
Cinema Achab – Catania, Italia
Progetto  realizzato con il supporto del Programma Cultura 2000 dell’Unione Europea.

Settembre-Ottobre 2001
Installazione e Live Performance “Un oscuro scrutare
con il collettivo di artisti Famiglia Sfuggita
Castello Ursino – Catania, Italia
Progetto  realizzato con il supporto del Programma Cultura 2000 dell’Unione Europea. Principali Partner : Comune e Provincia di Catania, Istituto per ciechi “F. Cavazza” di Bologna, Arci Sicilia, Musée de la Science et de l’Industrie “La villette Paris”. Il convegno “Visioni Invisibili” si è svolto  con gli artisti di Famiglia Sfuggita, Aldo Carotenuto, John Hull, Hoëlle Corvest, Otello Urso.

Marzo-Aprile 2001
Installazione e Live Performance “Cene al Buio
con il collettivo di artisti Famiglia Sfuggita
ARCI – Catania, Italia
Progetto  realizzato con il supporto del Programma Cultura 2000 dell’Unione Europea.

Giugno 2000
Installazione e Live Performance “I Figli di Isidor
con il collettivo di artisti Famiglia Sfuggita
Mercati generali – Catania, Italia
Progetto  realizzato con il supporto del Programma Cultura 2000 dell’Unione Europea e Fiumara d’Arte.